Alla scoperta di Ischia

2 storia

Tra il benessere delle cure termali, del sole e dei momenti di vero relax che si possono avere su tutta l’isola, è indispensabile trovare il tempo per un tour storico-culturale di quella che è un posto antichissimo. Certamente lo scooter permette di coniugare le giornate dedicate alla ricerca delle bellezze storiche con quelle alla scoperta dei luoghi di relax e di divertimento dell’Isola

Ischia è la prima colonia greca del mediterraneo. Questo quanto testimonia la Coppa di Nestore, un ritrovamento archeologico di rilevanza mondiale, rinvenuto dall’archeologo Giorgio Buchner nella Baia di San Montano. La coppa, custodita nel museo Villa Arbusto di Lacco Ameno, può essere un punto di partenza ottimale per scoprire la storia ischitana. Sempre in Lacco Ameno possiamo dare un’occhiata al Fungo, uno scoglio dalla forma così particolare ed immutata che è diventato icona del comune stesso. Passiamo a Forio, dove andiamo alla scoperta delle antiche torri di avvistamento costruite nei primi anni del 1500. Ad oggi ne contiamo 7, tutte da visitare, ma nei tempi passati erano ancora di più.

Immancabile è una visita alla stupenda chiesa del Soccorso, uno spettacolo architettonico che si staglia imperioso sulla linea d’orizzonte orizzonte del Belvedere di Forio.

Seguendo la strada che sale verso Serrara Fontana abbiamo sicuramente la possibilità di ammirare le bellezze naturali arrivano fino alla vetta del Monte Epomeo. Nella frazione del Ciglio possiamo effettuare una sosta per visitare le particolarissime case costruite nella pietra per poi proseguire alla scoperta del caratteristico Borgo di Sant’Angelo; un luogo magico dove il tempo sembra essersi fermato mentre il  piccolo promontorio della Torre domina un antico villaggio di pescatori tutto da visitare.

Continuiamo il nostro itinerario alla scoperta delle fonti di Nitrodi, nel Comune di Barano. Fonti d’acqua termale risalenti al primo secolo avanti Cristo, quando i romani ne fecero quella che adesso possiamo definire come la SPA più antica del mondo.

Arriviamo nel comune di Ischia, ed è proprio arrivando da Barano che incontriamo l’acquedotto dei pilastri, costruito nel 1600. Procediamo inoltrandoci nell’antico borgo di Ischia Ponte alla scoperta sia del famoso Castello Aragonese, sia della torre di Guevara, sia dell’antico insediamento di AENARIA, antica colonia dell’impero romani oggi sommersa. Nella zona del porto intravediamo su di un’altura la figura l’imponente del Palazzo Reale di epoca borbonica, tenuta di caccia degli antichi Re di Napoli. Ultima parte nel nostro viaggio alla scoperta dei monumenti e dei luoghi storici l’isola d’Ischia è Casamicciola. Luogo ricco di fascino, il primo fulcro del turismo isolano legato alle strutture termali più antiche e rinomate dell’isola. Potrebbe essere di grande interesse una visita all’Osservatorio Geofisico, custode di alcune di quelle pagine di storia che hanno segnato Casamicciola e l’isola tutta non solo dal punto di vista geologico ma anche quello umano. Un comune, quello di Casamicciola, scelto addirittura da Giuseppe Garibaldi, ospite nell’antica Villa Parodi Delfino, per lenire e curare ferite e mali procuratisi in battaglia.

Ischia è davvero tutta da scoprire e da ricordare, in tutta libertà.

IL VEICOLO CONSIGLIATO PER QUESTO ITINERARIO